Trattori

John Deere 6930 Premium

IMPRESSIONI DURANTE L’UTILIZZO

 

Il trattore viene usato principalmente per i lavori pesanti come aratura, livellatura, ripuntatura, con erpice rotante da 4.5 metri e per trasporti.

In aratura viene utilizzato con un quadrivomere Regent ad una velocità di circa 9 km/h. In questa lavorazione si è subito notata la comodità del sistema HMS. Infatti una volta impostato correttamente tutti i parametri utilizzando il command center, con un semplice pulsante a fine campo il trattore rallentava per poter effettuare le manovre, alzava l’aratro e lo faceva girare. Fatta la manovra sempre con lo stesso pulsante abbassava l’aratro e tornava alla velocità impostata precedentemente per l’aratura.

immagine 15 640x480

 

immagine 16 640x480

Ma è in livellatura che si sente la grande differenza nell’utilizzare il vario rispetto al cambio tradizionale. Infatti si possono fare diverse regolazioni e avere così diverse risposte dal cambio e dal motore e di conseguenza diversi modi di utilizzo. Io lo utilizzo in full auto. In questo modo io imposto una velocità, in genere intorno ai 10 km/h, e il regime minimo di giri motore a 1400 giri. Questo mi permette di risparmiare carburante quando giro senza carico. Quando inizio a caricare il motore inizia a salire di giri fino ad un massimo di 2000 giri. Raggiunto questo limite, sempre a 10 km/h, se lo sforzo è ancora maggiore, la trasmissione cala di velocità, mantenendo il motore mai al di sotto dei 1800 giri/min. Tutto questo avviene in modo automatico senza che l’operatore debba intervenire, traducendo il tutto in un minor affaticamento durante la giornata. All’inizio ero molto scettico sul cambio a variazione continua, che sia di jd o di altri marchi, ma poi provandolo si notano le grandi comodità rispetto ai tradizionali.

L’utilizzo di questo cambio risulta di facile intuizione. In breve tempo si imparano le basi per lavorare. Mio nonno, che in principio diceva che non l’avrebbe mai usato, lo ha utilizzato in aratura, in trasporto e in ripuntatura senza particolari problemi. Con il vario si ha un maggior assorbimento di potenza però questo è quasi impercettibile e comunque la comodità ripaga nettamente questa differenza. Unico neo è la differenza di prezzo: a listino, tra Autopowr, command arm e distributori elettridraulici ci sono circa 10000 euro di differenza.

L’inversore elettroidraulico è molto dolce ma allo stesso tempo molto rapido nell’inversione di marcia credo anche grazie alla presenza dell’Autopowr.

immagine 18 640x480

Il motore è parso sin da subito molto brillante e pronto, molto superiore a quello del 6620 SE che già ho. Soprattutto con la livella si sono notate le grandi potenzialità del propulsore anche grazie alla turbina a geometria variabile. La maggiore brillantezza ai bassi del motore permette di arare ad un numero più basso di giri, in risaia, ad esempio, dove la profondità non supera mai i 25 cm, aravo a 1200 – 1300 giri/min e in 10 ore di lavoro ho consumato circa metà serbatoio.

Quando però lo si spreme bene i consumi lievitano alla grande ma a mio parere restano comunque allineati ai concorrenti di pari potenza.

Ottima la sospensione anteriore TLS che assorbe molto bene le irregolarità, soprattutto in strada e il livellatura. Poi grazie alle tre regolazioni disponibili nel command center si possono regolare le sospensioni a piacimento.

La PTO, che è a comando elettroidraulico, ha un’innesto molto dolce che evita così sollecitazioni agli organi delle attrezzature caratteristica che accomuna anche gli altri John Deere presenti in azienda.

Il sollevatore a controllo elettronico presenta uno sforzo controllato a mio parere migliore dei precedenti jd che ho in azienda, ma potrebbe essere ancora migliorato secondo me. Il sollevatore è molto potente e alza senza problemi anche pesi molto elevati.

La cabina, anche se non è di grandi dimensioni, è molto comoda. Il cruscotto è ben leggibile anche se c’è molta luce e anche il command center è ben visibile anche grazie alla possibilità di inclinarlo. Molto comodo il sedile, anche se il prezzo di listino è parecchio elevato, ma combinato alle sospensioni anteriori e sulla cabina riducono al minimo le sollecitazioni, cosa a mio parere molto importante per quanto riguarda la salute dell’operatore. Il clima automatico è davvero ottimo: se sistemato in modalità auto. Si regola la velocità della ventola da solo e può anche regolare automaticamente in quale posizione fare uscire l’aria. Si attiva anche da solo l’anti appannamento del vetro anteriore, molto utile.

immagine 20 640x480

Il vetro anteriore composto da un unico pezzo permette di avere un’ottima visibilità, risulta però difficile vedere il gancio traino a meno che non ci si sporga un po’. Questo rende più difficoltoso l’attacco di attrezzi trainati.

Non male la sospensione della cabina, anche se a mio avviso ciò che aiuta di più nel ridurre le sollecitazioni sono l’assale anteriore sospeso e l’ottimo sedile pneumatico. La cabina non avendo grandi dimensioni risulta un po’ stretta per due persone abbastanza alte. La cabina della nuova serie 6R è stata migliorata aumentanto le dimensioni, ora in due si sta bene.

Ottimo l’impianto di illuminazione che sul mio 6930 Premium è quasi completo, non credo ne manchino molti. Permette di vedere molto bene anche nelle lavorazioni in notturna.

I distributori elettroidraulici sono molto comodi, ma sono, a mio parere, troppo costosi rispetto a quelli meccanici tradizionali. Il primo distributore ha avuto un piccolo problema, prontamente risolto dal concessionario.

immagine 21 640x480

 

Comments  

 
+3 #3 Johndin 2014-09-04 15:05
@Moremoreno puoi tranquillamente pensare di prenderne uno usato senza problemi secondo me una macchina super collaudata e assistenza ne hai finchè vuoi se non sei troppo lontano dal conce.
 
 
-2 #2 MOREMoreno 2013-04-03 14:56
Sono d´accordo con Silvestro. Consigliereste mai un mezzo così, usato?
 
 
+3 #1 Silvestro 2013-01-20 13:56
Ottimo articolo, bella descrizione del mezzo e del suo comportamento.
 

You have no rights to post comments