Meccanizzazione

Fase III B - Tecnologia sulle emissioni by John Deere

L'impegno per la riduzione delle emissioni atmosferiche è ormai in atto da più di dieci anni e ha seguito un approccio progressivo (vedere il grafico sotto). Nel 1996 la normativa Fase I ha posto i limiti sulle emissioni di particolato e sugli ossidi di azoto.
Il 1° gennaio 2011 entra in vigore la normativa Fase III B sulle emissioni prodotte da motori per applicazioni non stradali (motori da 174 a 750 CV).

xxx1

Il passaggio alla Fase III B della normativa sulle emissioni rappresenta indiscutibilmente il traguardo più ambizioso. La normativa prevede una riduzione del 90% del particolato (PM) e un calo del 50% degli ossidi di azoto (NOx). La Fase finale della normativa sulle emissioni, la Fase IV, porterà le emissioni di PM e NOx a livelli prossimi allo zero entro il 2015.
La soluzione John Deere

 

John Deere è stato il primo produttore di motori a sfruttare, per le applicazioni agricole, due importanti tecnologie: il ricircolo esterno dei gas di scarico raffreddati (EGR) e il turbocompressore a geometria variabile (VGT) .

 

 

John Deere garantirà l’osservanza della normativa fase III B integrando un filtro catalizzatore alla comprovata tecnologia dei motori Power Tech Plus. Il filtro contiene un catalizzatore di ossidazione diesel (DOC) e un filtro antiparticolato diesel (DPF).

 

 

Oltre all’azione del filtro catalizzatore, il motore si avvale del sistema EGR che raffredda e miscela quantità definite di gas di scarico con aria pulita in ingresso per abbassare la temperatura massima di combustione del motore stesso, portando così gli ossidi di azoto a un livello accettabile.

 

 

Il sistema di ricircolo dei gas di scarico raffreddati EGR rappresenta per il cliente una soluzione semplice che si avvale della comprovata efficienza nei consumi dei nostri motori PowerTech Plus, oltre a rientrare in un approccio totalmente integrato

xxxx
Motore PowerTech PVX conforme alla normativa Fase III B con tecnologia di ricircolo esterno dei gas di scarico.
I vantaggi John Deere
Il sistema di ricircolo dei gas di scarico raffreddati EGR, unito alla tecnologia del filtro catalizzatore, costituisce la scelta più giusta per garantire l'osservanza della normativa sulle emissioni in quanto è semplice, sicuro e conveniente:
Sicuro. John Deere è stato il primo costruttore di motori a sfruttare le tecnologie del ricircolo dei gas di scarico raffreddati (EGR) e del turbocompressore a geometria variabile (VGT) nelle applicazioni fuori strada, introducendoli per primo nelle applicazioni agricole.
Semplice. La soluzione a fluido singolo dei motori con sistema EGR di John Deere offre grande facilità di utilizzo, intuitività e semplicità di manutenzione.
Integrato. John Deere progetta, costruisce e offre assistenza per i motori e gli altri sistemi dei suoi veicoli per massimizzare le prestazioni, la convenienza, il risparmio di carburante e il valore complessivo. Inoltre, John Deere offre una gamma completa di sistemi agricoli di precisione che completano le macchine semoventi, garantendo all'operatore più efficienza e più comfort.
Fonte: www.johndeere.it

Comments  

 
0 #2 mikyxt 2010-09-14 11:36
è una scelta che hanno fatto loro, non è avere la verità assoluta, diciamo che per stare dentro allo stage IIIB puopi scegliere di mettere doc-dpf senza urea lavorando molto sull'EGR come hanno fatto loro, oppure metti l'urea e e metti solo il dpf, il problema è quando entrerà lo stage IV, chi non ha l'urea molto probabilmente sarà costretto a metterlo, e chi ha fatto la scelta contraria sarà costretto a mettere il DOC, quindi tra qualche anno avremo le case che presenteranno comunque modelli aggiornati per poter star dentro ai valori della norma.
 
 
0 #1 PRES72 2010-09-13 22:37
Quote:
L'impegno per la riduzione delle emissioni atmosferiche è ormai in atto da più di dieci anni e ha seguito un approccio progressivo (vedere il grafico sotto). Nel 1996 la normativa Fase I ha posto i limiti sulle emissioni di particolato e sugli ossidi di azoto.



Leggi Tutto...

Ma siamo sicuri che i "FENOMENI VERDI" abbiamo sempre la verita' in mano???? Chissà perchè altri grandi marchi utilizzano l'urea e loro no....chi mi sa delucidare???
 

You have no rights to post comments