Tecnica

FiatAgri 45-66

L_1024x768

A partire dagli ultimi anni ’50 il settore trattoristico dei  40 cv tuttofare è sempre stato uno dei settori trainanti della meccanizzazione agricola e un compartimento cavallo-di-battaglia per la FIAT.





Gli esordi furono il 411R, macchina tutta nuova e di grande equilibrio, alla quale fece seguito, nel ’64 il 415 (serie Diamante) che in sostanza era un’evoluzione stilistica del 411R; nel 1968 fu lanciata quel fuoco d’artificio che fu la serie Nastro d’oro e il testimone dei 45 cv venne preso dal 450, che nella trasmissione raccoglieva strettamente i concetti del 411 con abbinato il nuovo motore della serie 800 (poi 8000), nuovo avantreno e una carrozzeria spiccatamente moderna.

L’indiscusso successo di questa macchina venne appannato quando decisero di produrlo e importarlo dalla Romania, palesando una qualità costruttiva al di sotto degli elevati standard cui gli utenti erano abituati con i prodotti nazionali.
Successivamente il ruolo venne passato al 480.

Nel 1985 la FIAT decise di tornare ad imporsi nella taglia dei 45 cv con una macchina tutta nuova e in grado di reggere nel tempo gli attacchi della concorrenza, ovvero il 45/66.
Missione pienamente compiuta, visto che rimase in listino ben 15 anni e finì la propria carriera nientemeno che con la livrea blu della nuova impostazione societaria che nel frattempo, la FIAT, aveva assunto con la denominazione di New Holland.

You have no rights to post comments