Tractorum TRACTORUM.IT

Evoluzione dei sistemi di raffreddamento dei motori agricoli

CONCLUSIONI

Per il futuro non è prevista nessuna novità importante ma solo affinamenti tecnologici e probabilmente vi sarà la diffusione di pompe acqua ad azionamento elettrico “on demand”, ovvero solo quando serve.

 

Recentemente è stato presentato un prototipo di motore pluricilindrico con raffreddamento ad evaporazione molto più raffinato e tecnologico, valso soprattutto ad aumentare il rendimento, poiché più è alta la temperatura del motore (entro certi limiti) maggiore è il rendimento.
In questo caso era previsto un condensatore per riportare allo stato liquido il vapore prodotto ed avere un circuito chiuso come quello classico; però la soluzione presentava non pochi svantaggi e perciò presto abbandonata.
Negli anni ’80 vennero iniziate prove con motori utilizzanti componenti in ceramica, poiché isolante dal calore, con eccezionale resistenza all’usura per abrasione, alla corrosione, amagnetica e leggera; ciò potrebbe consentire di realizzare parti interne di motore funzionanti a temperature più elevate di quelle attuali o addirittura privi di impianto di raffreddamento (adiabatico), con rilevanti riduzioni di consumo di combustibile.
Il materiale ceramico pone, però, problemi di fragilità, difficoltà di produzione in serie e lavorazione a causa della durezza, possibilità di porosità e impurità interne.


Articolo a cura di: Tiziano

 


Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consultare la nostra privacy policy.

  Io accetto i cookie per questo sito. Accetto